Racconto poetico

Standard

796px-Edvard_Munch_-_Separation_-_Google_Art_Project

 

Quello che si prova è ancora un passaggio. Malinconico, triste e disperatamente nero.

Il cielo è stanco e inerme di fronte alle sciocchezze insensate dei ricchi.

La casa, per questi, è grida. Soltanto grida.

Spiffera ovunque il freddo maleducato. Non chiudo, non vedo, non sento.

L’insulto è di gusto, il riso spietato, la critica sovrana e la beffa dei desideri regina indiscussa.

C’è povertà, forse cattiveria, tra le luci dell’albero e le statue dipinte e plastiche.

Il tempo passato ha condotto al riparo da un totale affidamento.

Da questi sovrani zoppi e addormentati.

Ma ora dopo il restauro, c’è nebbia e la pietra levigata è liscia e trasuda bellezza.

Dove toccano queste mani, non è perfezione, perlomeno è distante dal grottesco e da ciò che fa morire il cuore.

L’incubo quotidiano fugge smosso da parole ritmiche, quale dono pulito e amorevole, che cullano e mostrano differente marchio.

Tuttavia la stirpe è cosa dura a seccare.

Ancora dunque passeggio tra rovine, fuori così eleganti, dentro sepolcri e cenere.

Meglio non promettere. Meglio che la preghiera diventi umana e non macerata su pagine contorte.

Immagino di aver inventato tutto, come sussurrano voci vicine, ma questa è la trappola.

Ogni strumento insiste nella sua storia e si vorrebbe intonare identico dramma su diverse corde e diversi toni.

Ancora pur essendo in questo, suono e cerco il mio spartito e quando la musica inizia è casa. Finalmente.

Vicinissmi tamburi e coperchi percuotono monotoni e, di tanto in tanto, rivedo quel piccolo flauto nel suo angolo rosa.

Con un bacio e una carezza lo premio per il coraggio indomito. Per la speranza di aver sopportato e creduto che fosse bene.

Che ci fosse nel repertorio il bene.

 

Federica

#lentamenteaudaci @fede.poetry

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s